ACTLET C

ACTLET C

FUNGICIDA ANTIPERONOSPORICO SISTEMICO PER VITE, PATATA E POMODORO

Composizione
M-Metalaxyl puro g 2,26 (= 28,5 g/L)
Rame metallo (da rame idrossido) g 17,06 (= 215 g/L)
Coformulanti q.b. a g 100

Formulazione
Sospensione concentrata

Registrazione
N. 16660 del 19/12/2018

Classificazione CLP

Download
Scheda prodotto

Sds

Categorie: ,

Descrizione

Caratteristiche
ACTLET C è un fungicida sistemico e di contatto a base di M-Metalaxyl e Rame sottoforma di idrossido a triplice azione preventiva, curativa e antisporulante.
M-Metalaxyl agisce bloccando la crescita del micelio fungino e la sporulazione. Si assorbe rapidamente attraverso le foglie e viene traslocato verso le parti in attiva crescita della coltura (traslocazione acropeta). Tale traslocazione risulta continua e graduale garantendo così una protezione anche sulla nuova vegetazione in via di formazione.
Il Rame idrossido garantisce una spiccata azione di protezione preventiva sulla vegetazione già sviluppata, oltre che una azione collaterale battericida. Grazie alla maggiore attività rispetto agli altri Sali di rame, l’idrossido garantisce una più rapida azione antiperonosporica potenziando l’effetto del M-Metalaxyl. La formulazione in sospensione concentrata garantisce una migliore solubilità del prodotto e una più spiccata attività coprente del rame in virtù della ottimale micronizzazione delle particelle in grado di migliorare la copertura della superficie fogliare.

Confezioni
Flaconi da 1 L
(confezioni da 12 pz)
Taniche da 10 L
(cartone da 2 pz)

Informazioni aggiuntive

CLP

Corrosivo, Irritante / Nocivo, Pericolo, Pericoloso per l'ambiente

Coltura

Melanzana in pieno campo, Melanzana in serra, Patata, Pomodoro in pieno campo, Pomodoro in serra, Uva da Tavola, Uva da Vino, Vite

Patologie

Peronospora (Plasmopara viticola)

Il prodotto si impiega in presenza delle condizioni predisponenti la malattia in genere nelle fasi centrali dello sviluppo della coltura. La traslocazione acropeta del prodotto consente anche la protezione della nuova vegetazione che si sviluppa nell’intervallo che intercorre tra un trattamento ed un altro. La presenza di rame idrossido offre attivitá collaterale nei confronti delle batteriosi.
Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione.

Vite (da Vino e da Tavola)
28 giorni di carenza
Peronospora (Plasmopara viticola)
Dose: 3,5 L/ha
Trattamenti ad intervalli di 12-14 giorni a partire dalla fase di allegagione a quella di invaiatura (BBCH 71-83).
N. max applicazioni anno: 2.

Patata
21 giorni di carenza
Peronospora (Phytophthora infestans)
Dose: 3,5 L/ha
Iniziare le applicazioni durante la fase di allungamento dello stelo principale (quando la vegetazione copre il 60% della superficie esposta del terreno) e fino alla fine dell’accrescimento dei tuberi, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 36-81).
N. max applicazioni anno: 3.

Pomodoro e Melanzana (in pieno campo)
10 giorni di carenza
Peronospora (Phytophthora infestans)
Dose: 3,5 L/ha
Iniziare le applicazioni a partire dalla pre-fioritura e fino all’inizio della maturazione dei frutti, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 29-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo di acqua fra 500 e 1000 L/ha e comunque sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione mantenendo sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi di acqua utilizzati.
N. max applicazioni anno: 3.

Pomodoro e Melanzana (in serra)
3 giorni di carenza
Peronospora (Phytophthora infestans)
Dose: 3,5 L/ha
Iniziare le applicazioni a partire dalla pre-fioritura e fino all’inizio della maturazione dei frutti, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 gg. (BBCH 29-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo di acqua fra 500 e 1000 L/ha e comunque sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione mantenendo sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi di acqua utilizzati.
N. max applicazioni anno: 3.

Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo di acqua fra 500 e 1000 L/ha e comunque sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione mantenendo sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi di acqua utilizzati.

Avvertenze
In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione informare il medico della miscelazione compiuta.